La chiesa metodista in California reinterpreta il presepe per denunciare le condizioni dei migranti al confine tra gli Stati Uniti e il Messico